INIZIO TRASMISSIONE

Gentaglia, benvenuti a Clean Shot. Sono Craig Burton, e sono qui per darvi una mano a finire la vostra prossima consegna.

Oggi parleremo dei sorprendenti sviluppi in Ellis di cui abbiamo discusso in una recente TroubleZone. I funzionari locali credono di aver identificato la fonte del misterioso segnale che ha messo in difficoltà le navi che passano in zona. Le autorità hanno richiesto ai cittadini di tenere le distanze fino alla fine delle indagini. Se siete nel Sistema o pianificate di passarci, assicuratevi di assecondare le richieste.

Ora, prima di tutto, Skinny è riuscito in qualche modo a recuperare un’ospite importante oggi. Laylani Addison è qui per discutere dell’incredibile ed inaspettato successo della sua campagna da indipendente per diventare la prossima Imperatrice. Benvenuta a Clean Shot, candidata Addison.

LAYLANI ADDISON: Grazie a voi dell’invito, Craig.

Il piacere è tutto mio. Ad essere onesti, non sono la prima persona a cui la gente pensa quando si parla di politica, ma più informazioni sapevo su di lei e la sua campagna, più ho voluto averla ospite in trasmissione. Iniziamo subito tornando ad Ottobre dello scorso anno, perché è il periodo in cui ha pubblicato il suo video per le Registrazioni Primarie.

LAYLANI ADDISON: Sembra sia passato un decennio. Eppure è soltanto un anno.

Ammetto che è stata la prima volta che ho sentito parlare di lei.

LAYLANI ADDISON: Non sei il solo. A meno che tu non sia originario di Mentor, o coinvolto a tempo pieno nelle iniziative educative dell’Impero, sono sempre passata inosservata.

Si è mai candidata per una carica in Rhetor?

LAYLANI ADDISON: Non ne ho mai avuto l’onore. Tutta la mia esperienza in politica arriva dal periodo in cui ho gestito una fondazione incentrata sull’aumento dell’accessibilità all’istruzione. Più recentemente, sono stata la Direttrice di Scienze Applicate presso l’Università di Mentor, e nel 2947 ho lasciato la posizione per focalizzarmi sulla campagna elettorale.

Una vera outsider in fatto di politica.

LAYLANI ADDISON: E con orgoglio.

Allora, siamo a poche settimane dal 10 Ottobre, l’inizio della votazione finale. Cosa ne pensa delle sue possibilità?

LAYLANI ADDISON: Sono ottimista. Oggi, abbiamo dovuto cambiare il luogo del nostro prossimo evento a Prime a causa della domanda elevata di partecipazione. Stiamo ancora rifinendo i dettagli, ma insomma, è un problema di quelli “buoni.”

Soprattutto perché la maggior parte dei sondaggi non la vede in una posizione favorevole.

LAYLANI ADDISON: Non mi preoccupo troppo di queste cose, per ora. Si sa che le previsioni elettorali a questi livelli sono una cosa piuttosto complicata.

Sta usando parole indulgenti.

LAYLANI ADDISON: Considero i sondaggi una fotografia del passato. Fino a che i nostri numeri vanno nella giusta direzione, non mi priverò del sonno.

Invece cos’è che la tiene sveglia di notte?

LAYLANI ADDISON: La campagna elettorale. Essere in lizza per il ruolo di Imperatrice è incredibilmente impegnativo. Ci sono così tante cose che vorresti fare e così poche ore al giorno. Colgo al volo ogni opportunità che ho per riposare. Infatti, mi sono allenata per addormentarmi in soli cinque minuti. Ovunque, in qualunque momento.

È una cosa che possono imparare tutti?

LAYLANI ADDISON: Non ne sono sicura. Ma se devo essere onesta, aver imparato a farlo potrebbe essere la cosa migliore che mi ha dato questa campagna elettorale.

[ Risate ]

LAYLANI ADDISON: Scherzo, ovviamente. Ma vorrei tornare alla tua domanda perché è interessante. Ho sempre qualcosa che mi ronza costantemente in testa. Non mentre dormo, ma durante il giorno, quando provo a rilassarmi o a staccare la spina per un momento.

Davvero? Vorrebbe condividerla con noi?

LAYLANI ADDISON: Certamente. Mi scopro sempre a chiedermi se sto facendo tutto quello che posso per raggiungere gli elettori. Sono una candidata indipendente. Non ho un partito politico alle mie spalle che mi sostiene o mi aiuta a diffondere i miei ideali. Certo questo mi permette di esser sicura che il messaggio che sto trasmettendo è mio al 100%, ma non dispongo di un’infrastruttura già radicata e di relazioni consolidate. Perciò mi sto sempre chiedendo se c’è altro che potrei fare. Qualche strada che ancora non ho percorso.

Mi chiedevo proprio questo. Non dev’essere facile confrontarsi con candidati supportati da una vasta organizzazione ed un gruppo di elettori già fidelizzati.

LAYLANI ADDISON: Essere in lizza per il ruolo di Imperatore è dura, in qualsiasi caso. Ma ci sono sicuramente dei problemi in più quando sei una candidata indipendente.

Ci può dire qualcosa di specifico?

LAYLANI ADDISON: I miei avversari hanno a disposizione molto più budget di me. Non posso permettermi di inondare spectrum con annunci come fanno gli altri candidati, perciò ho dovuto trovare altri modi per coinvolgere direttamente gli elettori. La soluzione è stata quella di partire per un tour attraverso tutti i Sistemi dell’Impero. Prendermi il tempo necessario per parlare con la stampa, interagire con i leader locali ed incontrare di persona quanti più elettori possibili.

E come sta andando?

LAYLANI ADDISON: Questa esperienza mi ha permesso di personalizzare la campagna, di connettermi con i miei elettori in un modo che un annuncio su spectrum non può fare. Parte del mio successo è dovuto al fatto che quelle persone adesso stanno parlando della mia campagna e dei miei obiettivi con i loro amici e i vicini.

E vuole veramente visitare ogni Sistema?

LAYLANI ADDISON: Questo è il piano.

Li ha mai visitati prima d’ora?

LAYLANI ADDISON: No, non fino all’inizio della campagna. Immagino che tu invece ne abbia avuto l’occasione, vero?

Tante volte ormai. Qual è l’ultimo che ha cancellato dalla lista?

LAYLANI ADDISON: Osiris. È un Sistema protetto dall’Atto per le Pari Opportunità dove sono presenti solo un paio di stazioni di ricerca, perciò abbiamo preparato una Endeavor, l’abbiamo riempita di studiosi di scienze e li abbiamo portati a fare un giro. Siamo riusciti a vedere la Scimmia di Phare. È stato incredibile. Molti di quegli studenti non avevano mai lasciato il loro mondo natale, perciò vedere la meraviglia nei loro occhi riflettere la vastità di tutto, beh, è stata un’esperienza davvero speciale. Personalmente lo ritengo il picco della mia campagna, finora. E tu invece?

Cosa?

LAYLANI ADDISON: Qual è stato il tuo ultimo Sistema?

Un vero trasportatore non dice mai queste cose. [ picchia con le dita sul tavolo ] È stato Gurzil. Ci è già stata?

LAYLANI ADDISON: All’inizio della mia campagna. Vengo da Oya, perciò è stato una delle prime fermate.

Quali Sistemi le mancano?

LAYLANI ADDISON: Una manciata. Vediamo, Sol, Terra, Centauri…

Sta tenendo i pezzi grossi per il finale, eh?

LAYLANI ADDISON: Che è un’altra ragione per cui sono ottimista sulle mie possibilità. Abbiamo programmato intenzionalmente quei Sistemi nella parte finale della campagna per poter sfruttare l’impeto che guadagneremo durante il percorso. Sembra stia funzionando, osservando come crescono le nostre manifestazioni.

Dunque, parte della ragione per cui la sua campagna ha ottenuto tanta attenzione inizialmente è per la promessa di allentare le restrizioni imposte alle ricerche sulle IA.

LAYLANI ADDISON: Insomma, è solo una piccola parte della mia Iniziativa di Innovazione, ma sì, è una cosa che ha sicuramente catturato l’attenzione.

Sicuro come la morte ha attirato la mia, così come quella di molti altri trasportatori. Vorrebbe illuminare il pubblico con qualche informazione specifica?

LAYLANI ADDISON: Essenzialmente, le restrizioni verrebbero allentate soltanto per gli istituti di ricerca che ricevano una deroga speciale. Ottenerne una sarà un processo lungo che includerà una condivisione cristallina delle motivazioni con il pubblico. Sarete informati tanto quanto me riguardo a ciò che intendono fare.

Le buone intenzioni finiscono sempre male.

LAYLANI ADDISON: Aggiungo che ci sarà una supervisione molto attenta durante l’intero processo, e l’accordo tra tutte la parti coinvolte che qualsiasi avanzamento in tale campo sarà gratuito per tutti.

Davvero?

LAYLANI ADDISON: Si tratta di un progetto finanziato con fondi pubblici per un bene più grande, non per i profitti. Anche mantenendo un focus ristretto, credo che possiamo fare passi avanti importanti e socialmente utili che possono dare il via ad una nuova era di innovazione.

Secondo la mia esperienza, la parola ‘innovazione’ spesso significa dipendere meno dagli Umani. Molti trasportatori, incluso me stesso, hanno ascoltato la sua posizione nei confronti della ricerca sulle IA e si sono subito preoccupati. Siamo stato sommersi da comunicazioni di persone preoccupate per il loro futuro. Ce ne sono state anche un paio da dei giovani che si chiedevano se valesse ancora la pena investire in una nave per iniziare la carriera, considerato che poi una IA avrebbe potuto rimpiazzarli nel giro di una decina d’anni. Cosa vorrebbe dire ai trasportatori preoccupati per il loro futuro finanziario?

LAYLANI ADDISON: Che non dovete preoccuparvi. Le ricerche approvate inizieranno con dei propositi molto ristretti. La navigazione completa o intere navi automatizzate non verranno neanche prese in considerazione. Ed io credo fermamente che l’obiettivo della tecnologia dovrebbe sempre esser quello di aiutare l’Umanità, non di sostituirla. Incluse le IA. Ho anche io una certa passione per le navi, sin da quand’ero bambina su Oya e guardavo le astronavi Umane e Xi’an andare e venire allo spazioporto. Desidero mantenere il controllo della mia nave tanto quanto lo volete voi.

Tutto questo è ammirevole, certo, ma non può sorvolare sul rischio che questo accada. Le cose possono andare male con la stessa facilità con cui possono andare bene.

LAYLANI ADDISON: E non sei da solo in questo. Ma lascia che ti ricordi che la mia Iniziativa di Innovazione non riguarda solo le IA. Comprende tutte le tecnologie nuove e migliorate a cui ci porteranno questi avanzamenti nelle IA. Sono queste le invenzioni che ci accompagneranno nel futuro, non una svolta epocale nel solo campo delle intelligenze artificiali.

Supponiamo che accada il peggio. L’aggiornamento per un’aspirapolvere governata da una IA finisce per funzionare anche come arma o sistema di navigazione per navi, o altro. Come pensa di fermare questi tizi dall’utilizzarla ovunque? Specialmente dopo che l’ha resa disponibile a tutti?

LAYLANI ADDISON: Capisco la tua preoccupazione. Quella prospettiva sarebbe terribilmente preoccupante ed è anche il motivo per cui alcuni percorsi di ricerca saranno assolutamente proibiti. Si svolgeranno udienze pubbliche e dibattiti per determinare i parametri specifici del programma prima persino di sognare l’autorizzazione di una deroga. Non sarà un cambiamento che avverrà dall’oggi al domani. È un adattamento istituzionale, che crede fermamente nei benefici che porterà allo UEE per le generazioni a venire.

Potrei star qui a chiacchierare di questo con lei tutto il giorno, ma dobbiamo fare una pausa veloce. Quando torneremo, la Candidata Addison ci parlerà dell’altro punto focale della sua campagna, l’educazione. State con noi per capire come intende cambiare il modo con cui i bambini studiano. Tutto questo più la mia discussione con Skinny riguardo i casini in Ellis, quando torna Clean Shot.

 

Articolo originale disponibile presso Roberts Space Industries.