Intro

La Forma delle Navi è lo show dedicato interamente agli aggiornamenti sui velivoli in sviluppo per Star Citizen. La puntata di oggi è incentrata sulla nuova nave medica delle Roberts Space industries, la Apollo.

 

Aggiornamenti di Sviluppo

La Banu Defender e la 890 Jump sono entrambe entrate nella fase di whiteboxing per la definizione preliminare del modello di gioco. Fa loro compagnia la serie 300, di cui sono iniziati i lavori di revisione.
Prima di passare alla fase di greyboxing per la definizione dei dettagli delle superfici, questi modelli verranno sottoposti a decine di iterazioni e variazioni, almeno fino a quando gli artisti e Chris Roberts non saranno soddisfatti del risultato ottenuto.
Il rilascio della serie 300 è previsto per la 3.4, mentre la Defender e la 890 Jump usciranno assieme all’aggiornamento 3.5, previsto per il primo trimestre del 2019.

Parallelamente, sono iniziati anche i lavori riguardanti le varianti della Freelancer. Dal momento che il modello base di questa nave è già disponibile in gioco, esse si trovano già nella fase di greyboxing e diventeranno disponibili in game con la patch 3.4.

Per quanto riguarda gli altri vascelli in sviluppo, la F8 Lightning è nella fase di revisione finale e sta attendendo la realizzazione di risorse complementari.
Anche le varianti della Mustang e la Hammerhead si trovano nella fase di revisione finale, ma mentre le prime vi sono entrate da poco, la seconda è quasi completa.
La variante Touring della 600i è ormai quasi pronta, ma sta attendendo la realizzazione di alcune risorse tecniche.

Apollo - Apollo_5.jpg

RSI Apollo

Con Corentin Billemont – Designer dei Sistemi
Paul Jones – Direttore Artistico

La RSI Apollo è la nuova nave medica realizzata dalle Roberts Space Industries.
Questo vascello si va a posizionare a metà tra la Cutlass Red, che sarà una sorta di ambulanza in-game, ed il modulo ospedaliero della Endeavor, che invece sarà una vera e propria struttura medica.

Di contro, la RSI Apollo sarà una specie di clinica mobile, capace di accettare e trattare i pazienti feriti, a prescindere che si tratti di NPC o giocatori.
Ha una capienza di sei posti letti e dispone di una zona cargo da 28 SCU, capace di ospitare un gran numero di rifornimenti medici. L’interno del velivolo è sostanzialmente diviso in tre zone: l’abitacolo con la zona equipaggio, dotata di due letti che fungeranno anche da capsula di salvataggio eiettabile, la baia medica, divisa in tre ambienti di cui due occupati da 3 lettini ciascuno, ed infine la zona di ingresso con la rampa principale, la camera di equilibrio e due scompartimenti per cargo ed equipaggiamenti vari.
Per quanto riguarda invece l’arsenale a bordo, la nave dispone soltanto di una torretta di dimensione 2, vale a dire il minimo indispensabile per difendersi.

Apollo - Apollo_1.jpg

La Apollo potrà essere utilizzata come punto di respawn mobile per giocatori e/o NPC morti nelle vicinanze.
Dal momento che far semplicemente comparire gli avatar all’interno dei lettini avrebbe rotto l’immersione, si è pensato di fare in modo che questi vengano trasportati sulla nave tramite una sorta di cella di stasi medica. Essa proteggerà i personaggi e li depositerà all’interno del mezzo, in uno dei lettini disponibili. Questi ultimi sono dotati di un sistema di scansione e trattamento dei traumi che si innescherà nel momento in cui un paziente verrà depositato al loro interno, provvedendo così a curarlo.
Inoltre, la nave sarà dotata di due droni ‘barelle’ controllabili da remoto, capaci di trasportare a bordo i pazienti direttamente dai teatri di battaglia.

Queste sono tuttavia delle bozze che potrebbero cambiare nel tempo.
Contrariamente ad altre navi di dimensioni simili, il team di design e quello concettuale hanno avuto relativamente poco tempo per sviluppare il velivolo e le sue funzionalità. Per cui in futuro potrebbero dover intervenire per sistemare dei problemi inaspettati, oppure che sono passati inosservati durante la sua progettazione.

Apollo - Apollo_3.jpg

L’estetica della Apollo è stata studiata in maniera tale da risultare estremamente appagante per i giocatori.
Ma oltre a questo, la nave sarà fondamentale per tutti coloro che intenderanno perseguire la carriera medica. Sebbene qualsiasi velivolo dotato di una zona cargo e di un sedile potrà essere usato per soccorrere e prestare le prime cure alle persone in difficoltà, soltanto con mezzi come questo sarà possibile trattare al meglio le ferite.

Assieme alla Apollo è stato anche rilasciato un nuovo articolo della serie “Cantiere Navale” dedicato al futuro del gameplay medico. Qui potrete trovare maggiori informazioni a riguardo.

Apollo - Apollo_4.jpg

Articolo originale disponibile presso le Roberts Space Industries.